domenica 14 maggio 2017

La stalla, i buoi

#wannacry

AGGIORNAMENTO: (14 mag 16:15) in questo documento ci sono molte informazioni. Grazie al CNAIPIC e alla Polizia Postale per il lavoro che stanno portando avanti.

I fatti del 12 e 13 maggio mi hanno riportato alla mente un episodio, che vado a narrare.

Molti e molti anni fa lavoravo per conto di un grosso soggetto della PA italiana che si occupa di Sanità (lascio a voi indovinare). Tra le altre cose, io e il gruppo che coordinavo eravamo incaricati di mantenete un accettabile livello di sicurezza sui dati ultra-sensibili trattati dai loro computer. Un esempio per tutti: la Banca Dati dei Trapianti di Organo a livello nazionale: un database che deve essere continuamente aggiornato con le richieste in attesa, e con le disponibilità che derivano dai donatori purtroppo deceduti. C'è un intervallo brevissimo (massimo 15-30 minuti) fra l'espianto di un organo e il suo trasferimento (di solito con eliambulanza) alla Sala Operatoria dove sarà utilizzato. Naturalmente, tutte le informazioni contenute nel database sono classificate come "dati estremamente sensibili". Riporto questi particolari solo per dare una vaga idea del livello di allerta a cui eravamo sottoposti, e abituati.

In questo scenario, un bel mattino trovammo decine di computer infettati da uno stupido quanto fastidioso "worm" (il "conficker", per chi se lo ricorda), un programma virale che impedisce il corretto uso dei computer e si diffonde da uno all'altro in breve tempo. Naturalmente, la prima cosa da fare (come in una epidemia medica) è isolare i computer infetti e quindi procedere alla disinfezione, operazione che allora richiese quasi una settimana di lavoro e l'impegno di diversi specialisti (i miei colleghi).

Parallelamente, e coerentemente, ci fu chiesto conto dei motivi che potevano aver causato questa situazione. La risposta fu individuata in due fattori:

  1. mancato aggiornamento dei sistemi e delle protezioni
  2. comportamento a dir poco avventato di qualcuno del personale che utilizzava quei computer anche per scopi... non istituzionali.

Oggi come allora la storia si ripete. Sistemi obsoleti, che non vengono sostituiti (per i soliti motivi economici "finché funziona...") né aggiornati (a volte sono così obsoleti che gli aggiornamenti non sono disponibili, come è accaduto l'altro giorno con quei sistemi Windows XP). Personale non opportunamente addestrato all'uso (basta che sappia schiacciare i tasti giusti), né motivato ad una condotta corretta (ve lo immaginate un chirurgo che opera con le mani sporche o col coltellino che si è portato da casa?).

Purtroppo questa tecnologia informatica non è più un accessorio divertente, ma fa parte integrante del lavoro di molti, e perciò diventa vitale saperla usare in sicurezza, senza andarsi a cercare (inconsapevolmente) incidenti che purtroppo possono sempre capitare. Non così frequentemente né diffusamente.

 Buona navigazione e attenti a che cosa cliccate!

Nessun commento:

Posta un commento