sabato 25 febbraio 2017

Il rischio corre sul Cloud

"Quello che non c'è, non si guasta": questo proverbiale adagio dei meccanici della Ferrari è sempre valido, anche quando si tratta di Sicurezza IT.

Alcuni servizi in rete sono diventati ormai pane quotidiano per chi con la rete internet ci lavora, e magari le affida business milionari. Questi servizi sono in genere molto utili, e consentono di avere buone funzionalità senza investire in infrastrutture private, che possono essere anche molto costose.

È il caso di quei servizi che offrono "acceleratori" di accesso ai siti web (tecnicamente si parla di "reverse proxy"), con capacità di allocazione dinamica, a seconda del traffico. Uno dei più famosi e maggiormente utilizzati è CloudFlare.

Il Problema


Perché ne parliamo? Accade che c'è stato un problema con questo servizio, più esattamente un "incident" di IT Security: a causa di un errore software (un bug!), questo servizio, in determinate circostanze, forniva agli utenti di un sito informazioni riguardanti un altro sito, magari appartenente a un cliente (azienda) completamente diverso, e ignaro del fatto. Si fa presto a immaginare che, una volta scoperta la falla, i soliti malintenzionati (crackers) potessero studiare come volgere la situazione a loro favore, e a danno di alcuni utenti del servizio (aziende e loro utenti).

Per chi volesse approfondire (sapendo leggere un po' di inglese) il dettaglio è in questo Incident Report pubblicato dalla stessa società Cloudflare.

Come riportato nel Report, i tecnici sono corsi prontamente ai ripari e sono riusciti a "mitigare" gli effetti negativi in appena 47 minuti, chiudendo completamente la falla complessivamente in 7 ore. Per chi lavora nello sviluppo e manutenzione IT questi sono tempi straordinariamente brevi (per avere una correzione di un bug software normalmente passano settimane o mesi), mentre nel caso di un incident di IT Security sono tempi non eccezionali ma accettabili, soprattutto tenendo conto che la falla non era nota (ai famosi crackers) e quindi era praticamente innocua.

Conseguenze per gli utenti


Per la maggior parte degli utenti di servizi online delle aziende indirettamente colpite (cioè quelle che fanno uso dei servizi Cloudflare), si tratta di cambiare le credenziali di accesso (password o altro), specie quelle memorizzate per comodità su vari dispositivi (smartphone, PC, ecc). Discorso analogo, anche se tecnicamente più complesso, per le credenziali di autenticazione fra server che collaborano alla fornitura di servizi online.

Per quanto riguarda eventuali altri dati che possono essere stati esposti a chi non era autorizzato a leggerli, considerato il breve lasso di tempo e la sostanziale "oscurità" del malfunzionamento, si ritiene che non ci sia stato il tempo materiale per approfittarne (exploit).

Conclusioni


Come sempre ripetiamo, non esiste sicurezza assoluta e, al crescere della complessità delle architetture IT, il rischio cresce in maniera non lineare.

L'importante è disporre (come in questo caso) di un'organizzazione pronta ed efficiente, in grado di ridurre al minimo il danno in caso di incident.

Come dire: qualche bue è scappato, ma la porta della stalla stavolta è stata chiusa prima che fuggissero tutti i buoi.

Nessun commento:

Posta un commento